I Prodotti della Tenuta di Cafaggio

separatore_01b

Un po’ di storia…

A Cafaggio, antico borgo rurale dove insieme ai nobili proprietari operava una grande comunità di contadini e artigiani, fin dai primi anni del ‘800 si producevano il vino, il vinsanto, l’olio d’oliva, il miele, la seta, il sapone e pregiato legname di cipresso. Si forgiavano gli attrezzi agricoli, e si allevavano tutti gli animali da cortile, da carne e da lavoro. Negli anni venti del ‘900, Ugo Benci, uomo colto ma dallo spiccato spirito imprenditoriale, promosse a Cafaggio la coltivazione del giaggiolo dalle cui radici si ricavavano estratti per cipria e profumi, e fu tra i primi in Italia ad avviare con successo l’esportazione di Chianti Benci negli Stati Uniti in grandi quantitativi.
Impruneta vanta un’antica tradizione per l’olio d’oliva, che è da sempre la coltura prevalente, e per i grandi orci in cotto che servivano per conservarlo, e che oggi si possono ammirare nell’antico frantoio, ora museo, del castello. Un olio storicamente conosciuto per la qualità che si distingue per le note di carciofo e mandorla fresca e per il gusto amaro e piccante. E’ tipica una varietà di olivo chiamata Leccino e anche Madonna dell’Impruneta molto resistente al freddo.
La leggenda narra che nel 1499 durante una processione della miracolosa immagine della Madonna, un rametto di olivo si impigliasse nella tavola lignea e appena varcate le mura di Firenze cadesse. Firenze era allora in guerra con Pisa e considerò questo evento di buon auspicio e segno dell’imminente vittoria. L’olivo da cui si stacco il rametto esiste ancora e ha resistito persino alla forte gelata del 1985. Da allora è stato chiamato l’olivo della Madonna da cui il nome della cultivar Madonna dell’Impruneta.

Oggi

L’azienda agricola biologica Cafaggio, si trova a 300 metri di altitudine ed è costituita da 80 ettari di bosco secolare, da 11 ettari di oliveta con 1500 piante delle varietà tipiche Frantoio, Moraiolo e Leccino e da 2 ettari di vigneto specializzato con uve Sangiovese, Cabernet e Merlot.  E’ con la stessa passione dei nostri antenati che ci dedichiamo alla produzione del IGT Toscana Cafaggio. Oggi l’olio extra vergine di oliva biologico Cafaggio è il nostro prodotto di punta e grazie anche alla collaborazione con alcuni tra i massimi studiosi e scienziati del settore, negli ultimi anni ha vinto premi nazionali molto importanti.
Tutti i nostri prodotti possono essere acquistati direttamente in azienda o spediti.


Caratteristiche di conservazione

La corretta conservazione dell’olio richiede una particolare attenzione.
L’olio teme il calore e il freddo (si solidifica a +5° C) e in entrambi i casi perde le sue proprietà chimiche ed organolettiche. Teme anche la luce e l’aria perché provocano ossidazione. Per questo viene filtrato e conservato in bottiglie scure di vetro con un colore e uno spessore speciali.
Si consiglia pertanto di tenere le bottiglie ben chiuse, lontano da fonti di luce e di calore, ad una temperatura di 14-18°C.

Olio extravergine d’oliva biologico

L’olio extra vergine d’oliva Cafaggio, la cui produzione media annua si aggira intorno ai 12 quintali (circa 1.700 bottiglie da 750 ml.) viene prodotto seguendo attentamente tutte le operazioni qui di seguito riportate. Ha un’acidità media di 0.16, un profumo fruttato d’oliva verde che ricorda il carciofo e un sapore gradevolmente piccante-amaro tipici dell’olio extra vergine d’oliva toscano. Le olive vengono raccolte interamente a mano in un periodo che può variare, in funzione dello stadio di maturazione, dal 5 novembre al 10 dicembre. Appena raccolte, vengono disposte in cassette (simili a quelle per la frutta) per evitare che si ammacchino e per garantire una buona circolazione di aria, impedendo così un possibile processo di fermentazione che potrebbe arrecare dei difetti all’olio (riscaldo o muffa). Entro le 24 ore successive alla raccolta, le olive, nelle rispettive cassette, vengono portate al frantoio per essere immediatamente lavorate, quando dal frutto ancora fresco si ottiene un succo (l’olio) organoletticamente perfetto e con un’acidità quasi nulla (0.16-0.20).
La scelta del frantoio è fondamentale, poiché non rispettando le dovute cautele e i giusti tempi di lavorazione si possono provocare delle alterazioni irreversibili all’olio. Le olive devono essere ben lavate e successivamente gramolate per un periodo che varia dai 20 ai 35 minuti, in base al loro grado di maturazione. Se ne ricava una pasta di olive da cui viene estratto per centrifugazione una media di circa l’11/13% di olio extra vergine di oliva.

 

 

Vino IGT Toscana Cafaggio ed altri prodotti

Il nostro vino IGT Toscana Cafaggio è prodotto con le uve selezionate: 70% San Giovese, uvaggio tipico del Chianti Classico, 20% Merlot, per ammorbidire i tannini e 10% Cabernet, per arrotondarne la struttura. E’ invecchiato circa un anno in botti di rovere. E’ un vino strutturato e fresco allo stesso tempo, importante ma genuino. Una combinazione difficile da trovare!

L’aceto Cafaggio nasce dalla fermentazione delle uve di vino Chianti D.O.C.G. in botti di rovere per una durata che varia da 6 mesi a un anno. A trasformazione avvenuta, l’aceto viene fatto maturare per circa un altro anno in botti di rovere. Dopo aver raggiunto un’acidità di 7,5 %, il prodotto ottenuto viene microfiltrato e imbottigliato.

Il miele millefiori Cafaggio é prodotto, quasi esclusivamente per uso familiare, secondo il metodo tradizionale. Viene estratto solamente per centrifugazione e decantazione e non é né filtrato, né trattato. Per questo ha un profumo intenso e una consistenza molto cremosa, caratteristiche molto apprezzate dai nostri ospiti al momento della colazione, dove si accompagna benissimo al pecorino e alla ricotta fresca.

I sapori della Toscana sulla vostra tavola

Se siete interessati ai prodotti della Tenuta di Cafaggio

SCRIVETECI QUI